Google+

venerdì 25 maggio 2018

TISTAMENTO OLOCRAFICO della signora Rosa Uccello




Io suttascritta Uccello Rosa, nascivi a Partinico (a data nun ci a mettu ca u Nutaru ca leggi u tistamento pò pinsari ca  quannu scrissi stì cosi macari era vecchia e nun ci stava ca testa).
Chiddu ca vogghiu diri è ca tutti hannu sempri vuluto a roba mia ma iu si prima nun moru cu cabbasiso ca ci lassu na’ spingula a nuddu!
A me maritu Asparino si quannu liggiti sta littra è ancora aggritta ci lassu lo sofrutto ri tutta a roba mia ma cu l’oblico di vinirimi a mettere i ciuri ‘ncapo u tabuto picchì mancu quannu ni ficimu ziti ri dintra mi purtò mai na’ pampina, macari di basilico ca ci facia a sarsa.
A me figghia Rosetta ci lassu a casa di Via Pisello, sarà ca sta carennu ‘terra, ma so maritu fa u muraturi e a pò puru aggiustari.
A mè figghiu Sarvatore, detto Turiddu, ci lassu u pezzu di terra in Contrada Pirtusu a partiri da u   stratuni finu o primo peri r’alivu. U sacciu ca stu terrenu è picca ma chistu c’è e chistu ci lassu.
All’avutru mè figghiu Sarvatore, detto Sarvuccio, ci lassu n’avutru pezzu di terra in Contrada Pirtusu a partiri da u terzu peri r’alivu fino o muru c’aggrizzò me maritu Asparino cu so’ cucino Micheli.  U sacciu ca st’avutru terrenu è picca ma chistu c’è e chistu ci lassu.
A casa di Via Cascavaddo unni stamu io e me maritu Asparino c’a lassu a tutti trì i me figghi Rosetta, Sarvatore detto Turiddu e Sarvatore detto Sarvuccio, cu l’oblico ri nun ghittari fuora ri rintra so patri Gasparino, ca ci lassai lo sofrutto e aspittare pi fallu nesciri di rintra sulu quannu  avi i peri ravanzi.  
Si muru vestuta ri rintra, prima c’attisu m’aviti a metteri a vesti ca mi cusivi  pu u matrimonio ri me figghia Rosetta, si chista vesta nun mi trase chiù lassatimi vestuta ri rintra ma vogghiu misu n’capo u cappotto nivuro buonu ca mi cusivi pi i nozzi r’argentu, ca un savi a ddire ca niscivi ri rintra  cu i peri ravanzi e malacommunita ‘nte robbe.
Si quannu muoru me maritu Aasparino è ancora aggritta ci raccummannu a i me’ figghi ri fallu manciari e biviri  na’ vuota o iuornu. Tantu mancia e bive picca. 
V’abbrazzu e vi benedicu a tutti seppuru tutti a turnu fustivu fitienti e curnuti assai cu mmia.
U postu r’unni scrissi e u iuornu ri quannu scrissi sunnu cabbasisi  miei)
Scrissi e basta.
                                                                         Uccello Rosa 

Laura Mancuso

martedì 24 aprile 2018

Parto per Londra!


Io mi sbatteva mura mura, a mio marito gli feci diventare le carni nivure per come gliele stringevo, e con le voci che avevo buttato si ci rumpieru i brindoli del lampadario di Murano alla signora che abitava di fronte al policrinico.

lunedì 9 aprile 2018

La signora perbene (che alliscia Santa Rosalia)



(Signora perbene:)
Rusulè, lascia perdere questi palermitani schifiati e pidocchiosi e  vieni con me, che io ti voglio bene come una sorella.
Tu non dovrai fare più niente, diventi la nostra santa, la santa della nostra famigghia.
Ti facciamo un altarino in salotto, solo orchidee per te. E il primo mio marito, ogni giorno ti dirà il rosario. Rusulè, abbiamo pure un parrino che di sgarrubbo ogni sabato ci viene a trovare, e lui ti dirà la messa – sai, Rusulè, mio marito in chiesa non ci può andare.
Rusulè, non ti faremo mancare niente, noi due passeremo il pomeriggio insieme, ti porto con me a scuola, io faccio la maestra. E quando avrai voglia di fare qualche miracolo, io ho un elenco di persone che mi ha segnalato i suoi probbremi, le solite cose, tipo figlie che non si maritano o mariti che non lavorano, io minni futtissi però, siccome siamo brave persone che vogliamo bene a tutti, una volta ogni tanto a qualcuno ci facciamo la grazia.
Rusulè, ti voglio bene sempre, naturalmente come una sorella.

(Rusulè incazzata:)
Tu sei la prima surcia di Palermo, lievati ri ravanzi, surcia consumacasati, consuma-picciriddi, surcia ruffiana, surcia degna di scafazzarci la testa come una serpe nivura, surcia che pari un profumo imitazione di quelli buoni: lu primo ciavuru sembrano fiori, poi arriva feto di sarde fituse.
Vatinni.

Giorgio D’Amato per Collettivo AAS

venerdì 6 aprile 2018

io nel frattempo me ne sono andato se vuoi ti ho tradito che effetto mi fa










dice Fedro:

Ma spesso un Poeta è un Ajace, che non potendo abbattere le truppe d'Ulisse, flagella le greggie; e spesso occupato de' suoi amati argomenti, non sente, o non conosce le sciagure del secolo. Perciò Fato Lucrezio canta della Natura; Cicerone scrive del Fato, Livio rivolge gli Annali di Roma; e Omero si sfoga colle Rane e co' Sorci.
 
Nel resto i giorni miei nel gaudio io meno;
Mangio e bevo a mia posta e a mio talento
Nè di rafani, o d'erbe io mi empio il seno;
Nè a biete, nè a cocozze ho il labbro attento.
Tai cibi neppur gusto allor ch'io ceno
Fan questi di voi Rane il bel contento;
Che nelle arene sterili e palustri
Non son dolci bevande, o cibi illustri.
La Rana allora assalta il Topo, e il prende
Per l'elmo, e il tragge a viva forza al lago;
E' che notar non sa, la morte attende,
E spettacolo a noi dà vario e vago.
La nostra armata allor nulla si offende,
E l'altrui serve a noi di bella imago
Dello sdegno del Ciel, che affoga il reo,
E a posteri ne lascio il gran trofeo.
...




 
The raven - il corvo

Siano queste parole d'addio" alzandomi gridai
"uccello o creatura del male, ritorna alla tempesta,
Alle plutonie rive e non lasciare una sola piuma in segno
Della tua menzogna. Intatta lascia la mia solitudine,
Togli il becco dal mio cuore e la tua figura dalla porta"
Disse il Corvo: "Mai più
E quel Corvo senza un volo siede ancora, siede ancora
Sul pallido busto di Pallade sulla mia porta.
E sembrano i suoi occhi quelli di un diavolo sognante
E la luce della lampada getta a terra la sua ombra.
E l'anima mia dall'ombra che galleggia sul pavimento 

Non si solleverà "Mai più" mai più.

E.A. Poe



errore si è già rialzata, saluti.